Logo Mail Logo Facebook Logo Twitter
Archivio area Libri

Giornata mondiale del diritto d’autore 2021

pubblicato il in Eventi, Iniziative sindacali, Libri, News, Normativa

Anche quest’anno Strade celebra il 23 aprile, Giornata mondiale del libro e del diritto d’autore, con un’iniziativa tesa a ricordare come dietro a ogni libro ci sia il lavoro di molte persone, ognuna con una sua professionalità. Tra queste ci sono ovviamente anche i traduttori editoriali.

Ringraziamo le colleghe e i colleghi che ci hanno inviato una foto per realizzare il collage sottostante [clic sull’immagine per visualizzarla ad alta definizione]: Stefano Musilli, Katia De Marco, Giovanna Paterniti, Claudia Valeria Letizia, Raffaella Scardi, Leah Janeczko, Serena Tarascio, Giuseppe Iacobaci, Stefania De Franco, Andrea Bigliardi, Daniele Petruccioli, Daniela Almansi, Caterina Garzonio, Prisco Oliva, Deborah Rabitti, Laura Rescio.

Il testo recita:

L’Italia verso l’implementazione della Direttiva UE sul diritto d’autore nel mercato unico digitale: ci sono anche i traduttori editoriali!

Titolo IV, Capo 3, Art. 18: diritto a una remunerazione adeguata e proporzionata.

Art. 19: obbligo di trasparenza degli editori sui profitti.

Strade sta seguendo con attenzione l’iter di recepimento della direttiva UE sul copyright, recentemente passata al vaglio del Parlamento in forma di legge di delegazione. Decisiva, ora, la fase che porterà ai decreti attuativi entro la scadenza di giugno.

Professionalità o presunta affinità?

pubblicato il in Comunicati 2021, Libri

Roma, 15 aprile 2021

A proposito della polemica sulle traduzioni europee di The Hill We Climb, di Amanda Gorman, va sottolineato che già da tempo si rileva una crescente spinta ad assegnare traduzioni di libri stranieri secondo criteri estranei alla traduzione: la visibilità e la spendibilità commerciale e mediatica del nome del traduttore, o l’affinità di vissuto e di appartenenza identitaria con l’autore, diventano pericolosamente preferibili rispetto alla competenza e alla professionalità. Il recente dibattito emerso in proposito muoveva, almeno in parte, dalla denuncia di questo problema, ma alcune delle istanze avanzate a monte della controversia hanno preso direzioni impreviste e incontrollate.

Strade afferma con decisione che la traduzione non ha colore né genere.

Nel commissionare la traduzione di un testo devono sempre restare in primo piano l’esperienza, la professionalità e la competenza del traduttore. Analogamente, far affiancare il traduttore da figure intermedie prive di competenze traduttive fa sì che, in nome di una malintesa correttezza politica, si producano pratiche anche vessatorie di sorveglianza sul suo lavoro. Traduttore e autore stesso, così, vengono posti ai margini del processo di traduzione, con gravi rischi per la trasmissione dei testi e delle idee a livello internazionale.

È indubbio che la filiera dell’editoria debba accogliere sempre più professionisti italiani discendenti da persone nate altrove, senza per questo impiegarli soltanto nel lavoro su opere attinenti alla loro esperienza o identità. Al di là delle polemiche passeggere, Strade auspica con forza che i criteri guida nella scelta di una traduttrice o di un traduttore siano sempre quelli di capacità e adeguatezza, e che la dignità della traduzione sia messa al riparo da istanze umorali e da frettolose soluzioni di facciata.

Il comunicato in pdf.

Tradurre (bene) la letteratura per bambini e ragazzi

pubblicato il in Libri, News

La rivista Andersen, il più noto e diffuso mensile italiano di informazione sui libri per bambini e ragazzi, dedica grande attenzione alla traduzione. Sul numero di gennaio-febbraio c’è un’intervista di Eva Valvo a Lara Hölbling Matković, traduttrice croata e segretaria generale del CEATL, e Daniel Hahn, autore e traduttore britannico, in cui si parla del ruolo della traduzione per i lettori più giovani, ma anche delle condizioni di lavoro di chi traduce e dell’importanza delle associazioni di settore. Pubblichiamo a seguire un ampio stralcio dell’articolo, che si può leggere per intero sul sito di Andersen.

Tra gli ultimi articoli ricordiamo anche la riflessione di Daniele Petruccioli su Orwell (Andersen n. 378), l’intervista a Valentina Daniele sul fantastico (Andersen n. 376) e le interviste a Samanta K. Milton Knowles sulla nuova edizione di Pippi Calzelunghe e a Laura Cangemi (entrambe pubblicate su Andersen n. 377).

Andersen è una rivista indipendente che si sostiene esclusivamente grazie alla fiducia di abbonati e inserzionisti. Per sostenerla con un abbonamento, visita questa pagina.

Qui il link per iscriversi alla newsletter gratuita.

(continua a leggere…)

cerca nel sito


Strade è sezione di

Logo CGIL SLC

Strade è membro di

Logo Consulta del Lavoro professionale CGIL
Logo CEATL

Strade su Facebook

StradeLab è partner del