Logo Mail Logo Facebook Logo Twitter

Lettera E

E-book
È un libro in formato digitale, cioè un file che contiene il testo del libro impaginato e a volte contenuti extra presenti soltanto nel formato elettronico. Può essere letto su supporti di vario tipo.

E-book reader, lettore di e-book
Piccolo apparecchio elettronico che consente la lettura di libri digitali. Questi strumenti permettono di caricare e trasportare comodamente, con un ingombro inferiore a quello di un piccolo volume tascabile, un gran numero di libri elettronici (una biblioteca intera, in certi casi, e comunque diverse centinaia) e utilizzano la tecnologia e-ink. Tuttavia, gli e-book possono essere letti anche con altri strumenti, per questo gli e-book reader subiscono in parte la concorrenza di computer, iPhone e iPad, che sono nati per svolgere altre funzioni ma offrono anche la possibilità di visualizzare libri digitali, con la differenza che lo schermo retroilluminato affatica la vista molto più della “carta elettronica” dell’e-book reader.
In commercio esistono e-book reader di molte marche e dimensioni diverse, ma le tipologie più diffuse sono essenzialmente due: i reader con schermo da 6 pollici (tra cui il diffusissimo Kindle), grandi pressappoco come la pagina di un tascabile, e quelli da 9 pollici (poco più piccoli di un A4), più adatti a leggere documenti di grandi dimensioni (quotidiani, articoli scientifici ecc.).

Editor
Da non confondere con l’editore (in inglese, publisher), è colui o colei che nelle grandi case editrici si occupa della selezione e della scelta dei testi, stranieri o italiani, da pubblicare, a stretto contatto con autori e agenti. Tra le sue mansioni, affiancare lo scrittore e aiutarlo a migliorare il testo a livello strutturale (trama, costruzione dei personaggi, dialoghi) e formale: l’editor ha quindi il compito di aiutare lo scrittore a rendere il suo “originale” il più possibile coerente, ben costruito, leggibile.
Tuttavia, in alcune redazioni con il termine “editor” ci si riferisce invece al redattore, mentre in altri casi le due figure si sovrappongono fra loro e con quella del revisore. Questo avviene in particolare nelle case editrici più piccole, dove un’unica figura editoriale interna si occupa di selezionare i testi, seguire e rivedere l’eventuale traduzione, lavorare gomito a gomito con l’autore italiano, garantire l’uniformità e l’applicazione delle norme redazionali.

E-ink
La carta elettronica, anche nota come e-ink o e-paper, è una tecnologia di display progettata per imitare l’aspetto dell’inchiostro su un normale foglio di carta. , Garantisce una resa del testo assimilabile a quella della carta stampata, senza riverbero dello schermo a causa della luce intensa.

ePub
Uno dei formati di file specifici per e-book, insieme a Mobi, Lit, Pdb e Azw. Contrariamente al .pdf, i formati specifici per e-book permettono il reflowing, cioè la reimpaginazione automatica in base alle dimensioni dello schermo a disposizione e alla grandezza dei caratteri o ad altre opzioni scelte dal lettore. Come avviene per qualsiasi altro file, i diversi formati di e-book devono essere letti con programmi specifici.

Editore
Imprenditore dell’industria libraria. Il primo vero editore, il fondatore dell’industria editoriale moderna, è Aldo Manuzio, che nel 1494 iniziò a Venezia un’attività di tipografo ed editore, stampando e distribuendo nel giro di pochi anni un numero impressionante di opere in greco e latino. La sua capacità imprenditoriale in riferimento al libro ne fa il precursore dell’editoria così come è intesa oggi, in termini di creazione del libro dal punto di vista del contenuto, dell’aspetto formale e della realizzazione materiale.

Edizione
L’insieme degli esemplari di un’opera stampati sulla base della prima composizione, che prevede l’assegnazione del codice ISBN. Si parla di “nuova edizione” o “riedizione” quando il testo rimane inalterato ma cambia la veste grafica, oppure quando quest’ultima rimane all’incirca identica ma è il testo a subire modifiche (in questi casi si parla anche di “edizione riveduta”). Cfr. anche ristampa, tiratura.

Edizione critica
Nella filologia o critica testuale, per edizione critica si intende la pubblicazione del testo mirante a ristabilirne la forma originale, il più possibile rispondente alla volontà dell’autore, sulla base dello studio comparato (collazione) di ciascun passo dei diversi testimoni diretti e indiretti esistenti, siano essi manoscritti o testi a stampa. L’edizione si presenta perciò con un apparato critico che riporta le lezioni varianti.

Cerca nel sito

Loading

Sezione di

Logo CGIL SLC

Strade è membro di

Logo Consulta del Lavoro professionale CGIL
Logo CEATL

Risorse utili

Link utili
Il glossario dell'editoria

Seguici su Facebook