Logo Mail Logo Facebook Logo Twitter

Le nuove linee guida per contratti equi del CEATL

Alla sezione “In Europa” del menu di navigazione trovate alcune importanti risorse:

  • l’Esalogo delle buone prassi, anno 2011;
  • le nuove linee guida per contratti di traduzione equi (maggio 2018), in inglese e nella versione italiana tradotta dalla nostra Marina Rullo;
  • in appendice alle linee guida, un approfondimento sul “work made for hire”.

I documenti sono frutto del lavoro del CEATL, di cui Strade è membro.

Strade non ci sta

Il 28 gennaio la nostra Isabella Zani si è pubblicamente dispiaciuta di un suo recente tweet,
definendolo “grottesco e feroce” e assumendosene la piena responsabilità.

Ribadito che il tweet era personale e in nessun modo collegato né attribuibile a Strade, a Slc
e alla Cgil, riteniamo sproporzionata e inaccettabile la strumentalizzazione operata rispetto
al sindacato, così come la gogna mediatica che ha colpito Isabella con violenza inaudita.

STradE all’Assemblea Nazionale dei Quadri, Professionisti e Alte Professionalità

pubblicato il in Eventi

Il 31 marzo 2014 si terrà a Roma (Sala G. Di Vittorio – c.so d’Italia, 25) l’Assemblea Nazionale dei Quadri, Professionisti e Alte Professionalità.

L’iniziativa è organizzata da Agenquadri, all’interno del percorso congressuale della CGIL che si concluderà a Rimini il 6-7-8 maggio, e vedrà la partecipazione di delegate e delegati delle strutture Agenquadri, delle Federazioni di Categoria e delle CGIL regionali. Sono invitate a partecipare tutte le associazioni professionali che fanno parte della Consulta del Lavoro Professionale della CGIL.

STradE – Sindacato Traduttori Editoriali sarà rappresentato dalla nostra Irene Inserra.

Maggiori informazioni sul sito di Agenquadri e nell’annuncio dell’assemblea.

STradE ad Alta Partecipazione

pubblicato il in Eventi

Riportiamo un messaggio di resoconto, steso da Davide Imola (CGIL), sull’incontro a cui STradE ha partecipato lunedì 17 marzo 2014 in seno ad Alta Partecipazione.

Delle “4 chiavi” di Alta Partecipazione ha parlato anche il quotidiano pagina 99 (si può leggere qui la scansione del pezzo: 12, 3).ACT

***
Di seguito riportiamo alcuni momenti del dibattito scaturito durante la presentazione delle 4 CHIAVI PER IL BUON LAVORO organizzato dalla rete di associazioni di Alta Partecipazione.

Nel corso del dibattito hanno preso la parola diversi esponenti politici e sociali: riportiamo qui alcune dichiarazioni. Guglielmo Loi, segretario nazionale UIL, ha apprezzato la proposta sugli ammortizzatori di Alta Partecipazione definendola “matura” e coerente con il principio dell’universalità negli strumenti di protezione sociale, fermo comunque anche il principio che “ognuno deve contribuire per una parte”. Il segretario UIL ha anche apprezzato “l’idea di introdurre l’equo compenso per i parasubordinati e le partite Iva individuali”, ma senza estendere lo stesso meccanismo ai dipendenti per i quali il rischio sarebbe di scivolare verso il compenso minimo per legge e svuotare i contratti di lavoro.

Prima Isabella Zani di STRADE e poi Andrea Dili, Portavoce dell’Ass. 20 maggio, e l’On. Chiara Gribaudo hanno confermato che l’intento della proposta sull’equo compenso è proprio quello di applicare l’Art. 36 della costituzione e garantire un compenso dignitoso e in linea con la qualità e la quantità della prestazione resa dei parasubordinati e dal lavoro autonomo individuale, mettendolo in relazione con quanto previsto dai contratti nazionali di lavoro, soprattutto attraverso l’azione negoziale delle parti sociali.

L’On. Stefano Fassina del PD ha ribadito che “senza una politica di sviluppo e sugli investimenti non si crea lavoro cambiando le regole” e che anzi, come ribadito anche da Salvo Barrano dell’ANA, “il rischio è di precarizzare maggiormente il mondo del lavoro così che le condizioni qualitative del lavoro rimangono le stesse o addirittura peggiorano anche quando il lavoro aumenta d’intensità”.

L’On. Ileana Piazzoni, parlamentare di SEL, ha condiviso la proposta sull’equo compenso ricordando che aveva partecipato all’approvazione della norma sull’equo compenso dei giornalisti freelance e che vede con preoccupazione il modo in cui la commissione istituita dalla legge stessa rischia di ridurre la platea dei beneficiari anziché applicare la norma.

Infine Cesare Damiano ha criticato l’eccessiva liberalizzazione dei contratti a termine, e ha chiesto al Premier Matteo Renzi di non dimenticare i 3.369.000 professionisti e autonomi con partita Iva individuale senza dipendenti, in gran parte giovani, che hanno scelto il lavoro autonomo ma faticano a stare sul mercato e racimolano nell’arco dell’anno compensi appena sufficienti per condurre una vita dignitosa. A questi lavoratori il Governo Monti ha imposto l’innalzamento progressivo dei contributi previdenziali fino al 33%, equiparandoli a quelli del lavoro dipendente: “Noi”, ha affermato l’On. Cesare Damiano, “riteniamo che si tratti di una scelta sbagliata, e come Partito Democratico abbiamo già provveduto con il Governo precedente a congelare per il 2014 l’incremento dell’aliquota. Adesso chiediamo al Presidente del Consiglio di compiere un passo ulteriore e definitivo: portare il contributo al 24%, come avviene per il lavoro dipendente”, ha proseguito Damiano.
Inoltre, nella legge delega è prevista la riforma degli ammortizzatori sociali, ma anche in questo caso non si fa cenno ai professionisti con partita Iva individuale. “Si tratta di lavoratori più esposti perché privi di regole del lavoro, che rimarrebbero senza protezioni sociali e che potrebbero essere utilizzati come soluzione per abbassare il costo del lavoro. Un vero e proprio dumping sociale. Una svolta anche nei confronti di questi lavoratori sarebbe un bel segnale, soprattutto per i giovani”, ha concluso Damiano.

Sia l’On. Teresa Bellanova (sottosegretario al Ministero deln Lavoro) che ha inviato un messaggio, sia Stefano Fassina, Ileana Piazzoni, Cesare Damiano e Chiara Gribaudo hanno dato la loro disponibilità a incontrare la rete di Alta Partecipazione, nei prossimi giorni, per approfondire le proposte e per valutare assieme i provvedimenti del Governo dal Decreto Lavoro alla Legge Delega.

Strade a Radio 3 e al Teatro Valle

pubblicato il in Eventi

comeunpaesaggio
Il 20 febbraio scorso la trasmissione culturale “Fahrenheit” di Rai Radio 3 ha presentato il volume Pensieri e pratiche tra lavoro e non lavoro e intervistato le curatrici Sandra Burchi e Teresa di Martino, con una menzione per Strade e la sua esperienza di convenzione sanitaria mutualistica. È possibile ascoltare il podcast.

Il volume contiene fra gli altri uno scritto della nostra Elena Doria, “Tra vecchie e nuove pratiche. Il mutualismo”, e segnaliamo che il prossimo

2 aprile 2014, alle ore 18.00,

Elena interverrà in veste di co-autrice di Come un paesaggio e di rappresentante del nostro Sindacato a una nuova presentazione del volume che si terrà al Teatro Valle di Roma (Largo del Teatro Valle, su Corso Vittorio Emanuele).

cerca nel sito


Strade è sezione di

Logo CGIL SLC

Strade è membro di

Logo Consulta del Lavoro professionale CGIL
Logo CEATL

Strade su Facebook

StradeLab è partner del