Logo Mail Logo Facebook Logo Twitter

Miseria e traduzione

I traduttori editoriali guadagnano troppo poco.

Strade ha deciso di lanciare una campagna permanente – #miseriaetraduzione – che sta muovendo i primi passi grazie al lavoro di promozione dei nostri eventi a Più libri più liberi, in particolare la tavola rotonda di venerdì 6 dicembre. Alcuni membri di Strade si sono fatti fotografare brandendo la dichiarazione dei redditi, con cifre non invidiabili.

Che fare in concreto? Tra gli obiettivi di Strade c’è l’istituzione di un fondo per la traduzione editoriale verso l’italiano sul modello di quelli già presenti in altri paesi europei. Un’idea sottoscritta da più di 3000 persone, in attesa di un dispositivo di legge praticabile e adatto allo scopo. La campagna #miseriaetraduzione ha l’obiettivo di porre sotto i riflettori sia l’esiguità dei nostri redditi, sia il dramma di una filiera che rischia di perdere un ganglio fondamentale. Dove non c’è lavoro equamente retribuito non ci può essere professionalità.

(continua a leggere…)

Strade a Più libri più liberi 2019

Strade torna nella Nuvola dal 4 all’8 dicembre 2019 con uno stand al primo piano (Club B2B) e tre incontri centrati sulla traduzione – compreso l’ormai classico translation slam illustrato. Al nostro tavolo troverete vademecum, magliette, tazze intraducibili, le nuovissime borracce piene di meraki e volontari stradajoli pronti a rispondere a qualsiasi domanda. Sabato 7 dicembre dalle 12 ci sarà inoltre un’assemblea informale dei tesserati Strade-Slc e dei soci StradeLab.

Ecco i tre incontri del programma ufficiale:

(continua a leggere…)

STradE a “Una marina di libri” a Palermo

pubblicato il in Eventi

header-sito

Sabato 7 giugno 2014 si terrà a Palermo un incontro con STradE nell’ambito di Una marina di libri, festival di editoria indipendente che si svolge ormai da qualche anno nella città siciliana. L’incontro, dedicato alla figura del traduttore editoriale in Italia, vedrà la presenza dei nostri Alice Gerratana, Alfonso Geraci (in veste di moderatore) e Barbara Teresi, nonché di Masi Ribaudo e Marco Federici Solari (editore e traduttore de L’Orma).

L’incontro si terrà a mezzogiorno nella sala conferenze della GAM (Galleria d’arte moderna) in piazza Sant’Anna.

Maggiori informazioni sul festival nel sito di Una marina di libri.

Federica Lippi di STradE sulla traduzione dei manga

pubblicato il in Eventi

Segnaliamo l’incontro bolognese “Lavorare coi manga: editori e traduttori a confronto” sulla traduzione dei fumetti giapponesi, a cui parteciperà Federica Lippi di STradE, che parlerà tra l’altro della difficile situazione lavorativa di chi traduce fumetti seriali e della necessità di agire in modo concertato.

logosito_normalL’evento si svolge all’interno della IV edizione di NipPop: Parole e Forme da Tokyo a Bologna.

Lavorare coi manga: editori e traduttori a confronto

Domenica 8 giugno, ore 10 – 12.30
Quartiere Porto, Sala del Consiglio – Bologna

Il programma molto ricco dell’edizione 2014 di NipPop propone, tra le diverse attività, anche un appuntamento specificatamente dedicato al confronto tra esperti dell’editoria e della traduzione, che operano tra Italia e Giappone. La tavola rotonda prevede, in particolare, la presenza di professionisti quali Nino Giordano, (Renbooks), Alessandra Marchioni (Panini Comics, Planet Manga), Cristian Posocco (Flashbook), le traduttrici Susanna Scrivo, Federica Lippi, Manuela Capriati, la mangaka Ichiguchi Keiko e lo scrittore Massimo Soumaré. L’appuntamento si pone come un momento per uno scambio dinamico di idee, riflessioni ed esperienze tra tutti gli ospiti presenti, ed è pertanto di sicuro interesse sia per gli esperti del settore che per i semplici appassionati di manga e letteratura.

L’accordo tra l’associazione dei traduttori tedeschi e gli editori

pubblicato il in Normativa

Il 1° aprile 2014 l’associazione dei traduttori letterari VdÜ (Verband deutschsprachiger Übersetzer literarischer und wissenschaftlicher Werke, parte integrante del sindacato ver.di nonché omologo tedesco di STradE) e un gruppo di case editrici capeggiate da Carl Hanser Verlag di Monaco di Baviera hanno stipulato un accordo generale sui compensi e le royalty per le traduzioni letterarie (Gemeinsame Vergütungsregel).

A dodici anni dall’entrata in vigore della nuova legge sul diritto d’autore, la Gesetz zur Stärkung der vertraglichen Stellung von Urhebern und ausübenden Künstlern (“legge sul rafforzamento del potere contrattuale degli autori e degli artisti”), che sancisce il diritto degli autori a ricevere compensi adeguati ed equi, e dopo più di cinquanta azioni legali portate avanti da singoli traduttori letterari nei confronti delle case editrici, alcune di queste, insieme al VdÜ, hanno ora raggiunto un accordo che si articola nei seguenti punti:

  1. I traduttori letterari devono ricevere un compenso di base che non può essere inferiore a un determinato minimo (ogni traduttore, naturalmente, sarà libero di concordare un compenso di base superiore). I minimi fissati per il compenso forfettario sono diversi a seconda dell’impegno richiesto dalla traduzione: 18,50 Euro a Normseite (cartella di 30 righe da massimo 60 caratteri ciascuna) per testi di difficoltà media, 15 Euro per i testi più semplici (libri per bambini, varia, divulgazione, manualistica…), 22 Euro per testi letterari di indubbia complessità. A partire dal 1° gennaio 2015 la prima e la terza tariffa minima verranno rispettivamente portate a 19 e 23 Euro per Normseite. Non si escludono successivi aumenti tariffari.
  2. Oltre al compenso base, i traduttori riceveranno delle royalty, relative alle edizioni cartacee, non inferiori alle seguenti percentuali: 1% del prezzo netto di copertina per vendite fino alle 5000 copie, 0,8% per vendite dalle 5001 alle 10.000 copie e 0,6% per le vendite superiori alle 10.000 copie. Lo stesso vale per tutte le nuove edizioni, eccezion fatta per quelle tascabili successive a una prima edizione in diverso formato, nel qual caso i minimi obbligatori delle percentuali vengono dimezzati. Si fissa inoltre un minimo dell’1,6% come royalty sulla cifra netta effettivamente incassata dall’editore per gli audiolibri o altri prodotti simili che esulano dal regime di prezzi dei libri cartacei.
  3. Per ogni tipologia di download digitale, ebook o mp3 va corrisposto al traduttore, come minimo, il 2,5% del prezzo alla vendita o di quanto effettivamente incassato dall’editore per ogni copia venduta o prestata a pagamento.
  4. Quanto alla cessione o concessione in licenza di qualsiasi diritto secondario i traduttori riceveranno, come minimo, il 10% degli introiti netti dell’editore, eccezion fatta per le edizioni tascabili, nel qual caso il minimo obbligatorio si dimezza (5%).
  5. I compensi base per le traduzioni di opere di pubblico dominio prevedono gli stessi minimi, mentre le royalty minime saranno raddoppiate rispetto alle percentuali di cui ai punti 2, 3 e 4, sempre che non si stipulino contratti che prevedano condizioni più favorevoli.
  6. Queste regole saranno negoziate e rivedute ogni due anni. L’accordo ha validità a tempo indeterminato e può essere rescisso con almeno sei mesi di anticipo entro la fine dell’anno solare, comunque non prima del 31 dicembre 2016.

Il VdÜ e le case editrici firmatarie (al 5 maggio 2014: Carl Hanser, Hoffmann & Campe, Schöffling, Frankfurter Verlagsanstalt, Wallstein, marebuch e alcuni marchi minori) invitano tutti gli editori tedeschi a sottoscrivere l’accordo.

cerca nel sito


Strade è sezione di

Logo CGIL SLC

Strade è membro di

Logo Consulta del Lavoro professionale CGIL
Logo CEATL

Strade su Facebook

StradeLab è partner del