Logo Mail Logo Facebook Logo Twitter
Archivio area Documenti

Fallimento Baldini Castoldi Dalai: perché i traduttori devono ancora aspettare

pubblicato il in Documenti, News, Sentenze

Riceviamo dall’avv. Maria Teresa Badalucco, la nostra legale convenzionata che dal 2014 segue la procedura fallimentare Baldini Castoldi Dalai editore s.p.a. per conto di numerosi traduttori, l’ultima comunicazione semestrale trasmessale dal Collegio dei curatori fallimentari. Tale relazione, depositata presso la Cancelleria Fallimentare competente in data 28/2/2022, è interamente leggibile a questo link in formato pdf.

Nell’ultima pagina si trova il motivo del ritardo nell’esecuzione del riparto per i creditori (quando finalmente ognuno di loro saprà quanto potrà recuperare):

CAUSE OSTATIVE ALLA CHIUSURA DELLA PROCEDURA
In merito alle cause che ostano alla chiusura della procedura si segnala quanto segue.
COSTITUZIONE DI PARTE CIVILE NEL PROCEDIMENTO PENALE
In forza di autorizzazione del Giudice delegato in data 16 settembre 2021, la procedura* si è costituita parte civile ex art. 76 c.p.p. nel procedimento penale nei confronti del presunto responsabile del dissesto per ottenere il risarcimento del danno da questi arrecato alla società fallita.

* La “procedura” si riferisce a chi cura la procedura fallimentare, che diventa un soggetto autonomo (compra, vende e si costituisce nei confronti del soggetto fallito). La data di marzo 2022 indicata in coda al testo non è indicativa di una imminente conclusione della procedura.

Appello Strade-Serianni sulle norme redazionali

pubblicato il in Comunicati 2021, Documenti, Iniziative sindacali, Libri, News

Roma, 30 settembre 2021

Strade e Luca Serianni, professore emerito di Storia della lingua italiana, si rivolgono alle case editrici chiedendo una riforma condivisa delle norme redazionali.

Nel pieno rispetto delle identità dei singoli marchi, alcuni accorgimenti sarebbero preziosi per agevolare l’esperienza della lettura, e non solo: una maggiore linearità e coerenza nelle convenzioni ortografiche e redazionali adottate dall’editoria di lingua italiana andrebbe a tutto vantaggio di chi legge e di chi scrive, di chi traduce e di chi revisiona, di chi impara e di chi insegna. Le numerose differenze nei criteri adottati dalle case editrici rischiano infatti di creare confusione là dove ci sarebbe bisogno di uniformità, fermo restando l’obiettivo comune di continuare a offrire testi che siano «il più possibile chiari, completi, accurati e facili da consultare» (Roberto Lesina, Il nuovo manuale di stile, Zanichelli, Bologna 2009, p. 14).

(continua a leggere…)

Gli 80 anni della LDA e il recepimento della direttiva UE: i rilievi di Strade

pubblicato il in Documenti, Iniziative sindacali, News, Normativa

Esattamente ottant’anni dopo il varo della Legge sul diritto d’autore (Legge n.633 del 22 aprile 1941), con la Legge di Delegazione Europea n.53 del 22 aprile 2021 è stata conferita la delega al governo di recepire la direttiva europea sul diritto d’autore nel mercato unico digitale. Strade ha analizzato punto per punto il titolo IV, capo 3 della direttiva che affronta il tema dell’equa remunerazione di autori e artisti (interpreti o esecutori) nei contratti di sfruttamento. Con il recepimento della direttiva, gli autori si aspettano che la normativa italiana sul diritto d’autore venga finalmente aggiornata, rafforzandone e adeguandone le tutele, per rendere effettiva la protezione dei loro diritti progressivamente erosi dalle pratiche di sfruttamento attuali. La nuova legge di sistema sul libro rappresenta un’occasione preziosa.

(continua a leggere…)

cerca nel sito


Strade è sezione di

Logo CGIL SLC

Strade è membro di

Logo Consulta del Lavoro professionale CGIL
Logo CEATL

Strade su Facebook

StradeLab è partner del