Logo Gmail Skype Logo feed RSS Logo Facebook Logo Twitter Logo LinkedIn salta direttamente al contenuto

STradE aderisce all’iniziativa “500 no al MiBACt”

pubblicato il in Comunicati 2013

Con un bando del 6 dicembre 2013, consultabile qui con i suoi allegati, il Ministero dei beni e delle attività culturali e turistiche (MiBACT) ha lanciato un programma di formazione di 12 mesi denominato “500 Giovani per la cultura”: i destinatari della selezione sono 500 laureati sotto i 35 anni di età che dovranno inventariare e digitalizzare il patrimonio culturale italiano presso gli istituti e i luoghi di cultura statali.

Se l’idea di base è condivisibile, il bando adotta però criteri che scontentano tutti, col risultato di escludere da una parte un’intera generazione esistente di professionisti 40- e 50enni, e di mortificare dall’altra quelli che vorrebbe inserire – i laureati under 35 con votazione minima di 100/110 e certificazione di inglese almeno livello B2 – cioè i giovani che il bando si propone di formare. Una volta superata la selezione, infatti, il trattamento prevede un’indennità economica di 5.000 (cinquemila) euro lordi annui per 600 ore complessive.

Ma sono già centinaia di migliaia i giovani e i meno giovani, sotto e sopra i 35 anni, iper-formati, in possesso di laurea, specializzazione, dottorati e master, ma precari o disoccupati, in attesa che il MiBACT affronti la riorganizzazione e pianificazione a lunga scadenza che potrebbe trasformarli in lavoratori regolarmente assunti: laddove rispetto a questo bando è ragionevole ipotizzare che, terminato il “tirocinio”, molti di loro torneranno a casa, con la sola speranza di essere tra i fortunati che, il ministro ha ventilato, saranno stabilizzati ope legis, cioè senza concorso.

Per rivendicare buona occupazione e rispetto per i professionisti della cultura italiana, STradE aderisce alla richiesta generale di immediato ritiro del bando, e chiede a tutti i colleghi, alle organizzazioni, alle associazioni e ai comitati di categoria di aderire alla manifestazione dei Professionisti dei Beni Culturali l’11 gennaio 2014. Vi invitiamo a leggere l’appello allegato e ad adoperarvi per la massima diffusione e partecipazione.

Qui i link al sito web dell’iniziativa e alle pagine Facebook e questo l’indirizzo e-mail per aderire personalmente: 500no@archeologi.org .

[Post aggiornato rispetto alla prima pubblicazione, alla luce delle modifiche ministeriali al bando.]

Commenta con Facebook

Contattaci

Iscrizioni

Cerca nel sito

Loading

Affiliato a SLC CGIL

Logo CGIL SLC

Membro di

Logo Consulta del Lavoro professionale CGIL
Logo CEATL

Risorse utili

Link utili
Il glossario dell'editoria
Il glossario dell'editoria

Seguici su Twitter

Seguici su Facebook