Logo Gmail Skype Logo feed RSS Logo Facebook Logo Twitter Logo LinkedIn salta direttamente al contenuto

Un anno di STradE

PrintA poche settimane dal terzo anniversario della sua fondazione con la nuova sigla si chiude per Strade un anno che grazie all’impegno di Segretari, collaboratori e tesserati, e alla proficua collaborazione con altre organizzazioni, ci ha visti attivi su molti fronti e ci ha condotto a risultati degni di nota: e oggi, nell’augurare a tutti una serena conclusione di questo 2014, ci fa piacere ripercorrerlo insieme a voi.

Per cominciare, qualche numero. Strade cresce, piano ma sano: rispetto all’anno precedente il complesso degli iscritti è aumentato di oltre il 17 per cento, ed è quasi raddoppiato il numero degli associati, cioè di giovani ed esordienti che intendono accostarsi al mestiere di traduttori nella massima consapevolezza dei loro diritti, doveri e possibilità: un dato che ci riempie di fiducia.

Poi, i nostri servizi di consulenza contrattuale e fiscale, che sono aperti anche ai colleghi non iscritti al sindacato: il primo – oltre ad aver lavorato a una versione aggiornata del nostro Vademecum legale e fiscale – ha trattato, in molti casi con pieno successo, oltre 110 richieste di informazioni e aiuto da parte di traduttori nel rapporto con la committenza. Una decina al mese, o una ogni tre giorni; un lavoro indefesso e di qualità, specie se si ricorda che il dato non tiene conto delle sequele di casi aperti negli anni precedenti, né delle richieste provenienti da altri soggetti come scrittori, piccoli editori, agenzie letterarie. Riguardo ai rapporti con il fisco sono state invece trattate 30 richieste di consulenza: anche qui un dato di tutto rispetto per una materia basilare ma ostica ai più, compresi molti professionisti del settore. Un sentito ringraziamento, quindi, alle colleghe che non si sono risparmiate e con il loro impegno hanno richiamato molti nuovi tesseramenti.

Quanto alla nostra comunicazione: (continua a leggere…)

Davide Imola (1962-2014)

Davide ImolaNel pomeriggio di sabato 20 dicembre a Roma un male insidioso si è portato via Davide Imola, uomo di spicco della CGIL e responsabile nazionale della Consulta delle Professioni, l’organismo nato per dare voce ai lavoratori autonomi, indipendenti e atipici e alle loro istanze fin lì inascoltate.

Davide era un uomo intelligente e concreto, integro e generoso; intendeva l’attività sindacale nel modo più inclusivo e per questo è stato il primo interlocutore attento e interessato del gruppo di traduttrici e traduttori che poi è diventato Strade: il quale, senza il suo contributo di ascolto, partecipazione, stimoli e consigli, non sarebbe mai diventato un’associazione sindacale autonoma, con un suo proficuo rapporto con la Confederazione grazie al protocollo d’intesa con SLC e una sua capacità di dialogare costruttivamente con controparti e istituzioni ai massimi livelli.

(continua a leggere…)

La gogna e il dialogo

pubblicato il in Comunicati 2014

Nei giorni scorsi è stato portato all’attenzione di Strade un sito di esplicite segnalazioni pubbliche, spesso anonime, di aziende nel settore dei media che, dopo aver commissionato lavori a professionisti, non li hanno pagati.

Naturalmente, data la cronica morosità di molti editori italiani nei confronti dei traduttori e di altri collaboratori, l’iniziativa è subito piaciuta a molti colleghi, fuori e dentro Strade, i quali si sono attivati per saperne di più e soprattutto hanno sollecitato l’opinione del Sindacato in merito: ora i segretari di Strade hanno avuto modo di confrontarsi tra loro e con la Squadra Comunicazione, e hanno definito una posizione contraria all’adesione o alla replica di quest’iniziativa in particolare.

(continua a leggere…)

12.12.14 Mobilitazione nazionale per il lavoro: STradE con i lavoratori della Carocci

pubblicato il in Comunicati 2014

12 DICEMBRE 2014, Giornata di mobilitazione nazionale per il lavoro: Strade sostiene i lavoratori della Carocci editore contro il piano industriale della proprietà.

300x300Siamo traduttori editoriali, siamo lavoratori autonomi, per noi lo sciopero è una questione privata: se anche ci astenessimo dal lavoro, nessuno se ne accorgerebbe. Ma siamo vicini a tutti i lavoratori e le lavoratrici dell’editoria che lottano ormai da tempo contro la progressiva sottrazione di tutele, contro le esternalizzazioni senza contropartita, contro lo svuotamento di senso della loro opera e competenza: e adesso anche contro la prospettiva di perdere, molto semplicemente, il posto di lavoro e lo stipendio con il quale mantengono sé stessi e le proprie famiglie. Come sta succedendo ai lavoratori della Carocci, casa editrice romana che da quasi 35 anni è sinonimo di saggistica – e non solo – di qualità, curata nel contenuto e nella forma. (continua a leggere…)

Pillole di contratto – Risposte/10

pubblicato il in Eventi 2014, Pillole di contratto

Siamo giunti alla risposta alla decima e ultima domanda delle nostre “Pillole di contratto”.

Vi avevamo chiesto se la somma di denaro lorda pattuita per ogni cartella di traduzione e percepita dal traduttore è:

  1. Il suo compenso (e avete risposto così in 39, circa il 64%)
  2. La sua tariffa (21 risposte, 34% ca.)
  3. Il compenso o la tariffa, è indifferente (una risposta, 2% ca.)

La risposta esatta è la numero 1.

PERCHÉ? (continua a leggere…)

Pillole di contratto/10

pubblicato il in Eventi 2014, Pillole di contratto

Siamo arrivati alla decima e ultima domanda delle “Pillole di contratto”, ma presto vi stupiremo con nuove iniziative!

Ecco qui la nuova domanda, e questa volta su parla di soldi…

Le domande e le risposte precedenti sono tutte disponibili qui.

Pillole di contratto – Risposte/9

pubblicato il in Eventi 2014, Pillole di contratto

Per la penultima volta il lunedì mattina porta la risposta alla domanda precedente delle “Pillole di contratto”.

La settimana scorsa vi chiedevamo se, in fase di revisione:

  1. Il traduttore ha il diritto di essere coinvolto sin dall’inizio, e deve poter approvare eventuali modifiche (risposta scelta dall’80% di chi ha risposto).
  2. Il revisore ha il diritto di apportare qualsiasi modifica al testo, senza tener conto del parere del traduttore, che non deve partecipare alla revisione (risposta che nessuno ha scelto);
  3. Il traduttore può essere messo in contatto con il revisore, ma la decisione finale spetta sempre all’editore (risposta scelta dal 20%).

E la risposta esatta è la numero 1.

PERCHÉ?

(continua a leggere…)

pagina 1 di 33123...102030...ultima pagina »

Contattaci

Iscrizioni

Cerca nel sito

Loading

Affiliato a SLC CGIL

Logo CGIL SLC

Membro di

Logo Consulta del Lavoro professionale CGIL
Logo CEATL

Risorse utili

Link utili
Il glossario dell'editoria
Il glossario dell'editoria

Seguici su Twitter

Seguici su Facebook